giovedì 2 marzo 2017

BABà AL LIMONCELLO.

'O Babà, il re della pasticceria, a mio avviso!

E' un dolce che se fatto a dovere, sempre secondo i miei standard, non deve sapere di alcol, anzi. Deve essere imbevuto di una miscela sciropposa dolcissima profumata da pazzi al rhum, o come nel mio caso di oggi, al limoncello. Ma il trucco sta nel fatto che la miscela sciropposa va fatta sobbollire poco prima di spegnere il fuoco con l'alcolico da noi scelto, così da farne evaporare totalmente l'alcol e lasciare tutto l'aroma maturato nel tempo.



Bellino eh?
La ricetta è fedelmente presa da qui

440 gr farina 0 (manitoba)
6 uova
22 g lievito di birra
60 gr zucchero
150 g burro
un pizzico di sale

Per la bagna
1 litro d’ acqua
400 g zucchero
la buccia di 2 limoni non trattato
250 ml limoncello fatto in casa



Iniziate impastando il lievito di birra, 2 cucchiai di acqua, 50 gr di farina e 2 cucchiaini di zucchero (presi dal totale). Lasciate lievitare finché non è raddoppiato di volume.
Preparate intanto la bagna facendo bollire per quindici minuti l’acqua con lo zucchero e la buccia di 2 limoni. Prima di spegnere lo sciroppo addensato, aggiungete del rum, fate bollire qualche altro minuto (max 3 minuti), e fate intiepidire.
Pronto il lievitino, travasatelo nella planetaria e aggiungete la farina manitoba, lo zucchero e le uova intere. Procedete con l'impasto per amalgamare tutto e poi aggiungete il burro morbido, un pizzico di sale. Lavorate fino ad ottenere un impasto bello elastico.
A questo punto, coprite la ciotola con un panno e lasciate riposare l'impasto in luogo tiepido fino a quando questo non avrà raddoppiato il suo volume. Versate l'impasto in uno stampo imburrato, quello da budino o ciambella. Fate lievitare di nuovo fino a quando non avrà raggiunto l’orlo.
Una volta lievitato accendete il forno a 180°, infornate e abbassate di 10° e fate cuocere per una mezzora. Abbassate ancora a 160° e cuocete gli ultimi 10 minuti, comunque fate sempre la prova stecchino, onde evitare di avere un impasto crudo.
Capovolgete e fate raffreddare su una gratella. Nel mio caso tutta la notte.
Il giorno dopo, rimettete il babà nello stampo e bucherellate la crosta in modo da farle assorbire più facilmente lo sciroppo. 



Ho decorato con tanta panna e frutta... una volta tagliato a fette, cospargete con un pò di sciroppo.





buon appetito!
Baci baci, a presto Catia

Nessun commento:

Posta un commento