venerdì 29 aprile 2016

ANCORA PARURE ARBERESHE ... IN VISTA DELLE VALJIE DEL PRIMO MAGGIO ECCO LA MIA ULTIMA FATICA.



Ciao a tutti, come va? E siamo arrivati alla fine del mese di aprile, tra tira e molla vari e notizie belle e meno belle importanti. Si avvicinano le feste folckloriche per eccellenza di vari paesi dei dintorni e tra queste le VALJIE Arbereshe che eccellono per la passione e la bellezza dei costumi e ori che praticamente tutti dai piccini ai meno giovani sfoggiano con grande orgoglio.

E con orgoglio vi mostro anche io la mia ultima fatica: una reinterpretazione personale degli ori antichi Arbereshe, che si mantiene fedelissima alle forme e ai colori originali, solo senza nessun materiale preziosissimo come oro, perle naturali e rubini o diamanti.

Come sempre, si tratta di gioielli ricamati per farne un trittico di spille, una coppia di orecchini, una spilla saliscendi, un ciondolo strozzacollo e un anello. Una parure completissima che adornerebbe con un certo onore uno dei costumi indossati da una giovane sposa o una signora che esce per la messa o una festa di paese ufficiale.
Come sempre, la tecnica è la bead embroidery. Ho usato rocailles 11/0 e 15/0 dorate della Miyuky, perline bianche da 3 e 5 mm, filo color crema e ago 12 per ricamo.









Che ve ne pare???

A me piacciono moltissimo! Sono fiera di questa parure Arbereshe e spero riceva riscontri positivi anche domenica, quando sarò a Firmo (CS), con un piccolo stand dei miei bijoux.
Se passate di là fate un giro!!!!

Baci baci a prestissimo! Catia



mercoledì 27 aprile 2016

BESCIAMELLA VEG: RICETTA CON IL BRODO VEGETALE.

Ciao ragazzi, come va?
Dopo le crepes veg torno con la besciamella veg. Non ha niente da invidiare a quella classica ma ha un suo gusto, cioè e' buona ma diversa per forza di cose.


Per prepararla preparate un brodo vegetale o conservate l' acqua di cottura delle vostre verdure preferite e poi proseguite come segue:


500 ml

lunedì 25 aprile 2016

CREPES VEGANE. RICETTA FACILE E BUONISSIMA, DAVVERO!

Buon pomeriggio e buona Festa della Liberazione a tutti come state?

Oggi vi parlo nuovamente di cucina adatta a tutti: chi e' allergico, intollerante, chi e' salutista, chi ama esser cruelty free, chi e' vegetariano o vegano per scelta e convinzione.

Si tratta delle crepes veg,  SENZA UOVA SENZA LATTE SENZA BURRO SENZA DERIVATI ANIMALI di alcun genere.

Una coccola che si può dedicare chiunque senza far male al proprio organismo e alla coscienza e vita degli animali.

La ricetta e' la seguente:

 

150 g farina
220 ml latte di soia/avena
80 ml acqacqua
2 cucchiai di olio di semi

Come vedete la lista degli ingredienti e' semplice e corta e la preparazione e' super veloce.
In una ciotola mettete la farina, aggiungete gradatamente il latte mesgolato all'acqua e all'olio in modo da non fare grumi e ottenere una pastella liscia.
Lasciate riposare l'impasto delle crepes veg in frigo per mezzora o piu'.
Procedete alla cottura come sempre.

Condite le vostre crepes veg leggere e salutari come preferite, anche in versione dolce con del miele, marmellate, nocciolate e poi spolverate di zucchero a velo o ripiene di ciò che amate e annaffiate di besciamella o deliziosi sughi.




Buona giornata e a prestissimo.

Baci baci Catia

PS. La ricetta e' tratta liberamente dal sito 

www.nonsprecare.it

venerdì 22 aprile 2016

GUSTOSA CROSTATA DI AMARETTI.

Eccomi nuovamente con voi, con una velocissima ricetta golosa, adatta a tutti quelli che amano una coccola morbida e molto profumata che si scioglie in bocca, la CROSTATA DI AMARETTI!


Bastano pochi ingredienti, pronti e facilmente reperibili anche per i più pigri al supermercato:

1 rotolo di pasta frolla (o la pasta frolla che preferite, aromatizzata alla mandorla preferibilmente)
500 g crema pasticcera  (potete usare una bustina di preparato o prepararla da voi con la ricetta che preferite) alla mandorla
1 confezione di amaretti sbriciolati, di cui 10- 12 tenuti da parte interi



Stendete la frolla in una teglia e bucherellatela.

Versate una parte degli amaretti sbriciolati sul fondo e i restanti nella crema mescolandoli bene.

Versare la crema e livellare, disporre sopra gli amaretti interi.

Cuocere la crostata agli amaretti in forno caldo a 180 gradi per 45- 50 minuti, fino a doratura.




Mangiate solo quando si raffredda, così sentirete bene tutti gli aromi amalgamati e vi sembrerà di mangiare un dolce di pasticceria che vi invidieranno in tanti per la sua bontà, semplicità e velocità!

A presto, baci baci Catia!

venerdì 15 aprile 2016

PAN DI SPAGNA: UNA GARANZIA DI SUCCESSO.

Ciao a tutti come va?
Oggi una ricetta classica, che tutti fanno e che mangiamo in mille modi soprattutto nelle occasioni importanti: il pan di spagna.
Un dolce spugnoso che assorbe ogni bagna con maestria e che si adatta bene a tutti i gusti.

Per 2 teglie da 20 cm:

6 uova
180 g zucchero
200 g farina
Vanillina
Un pizzico di sale
Teglia imburrata e infarinata




Sbattete la uova con lo zucchero per 15 minuti fino a farle diventare spumose e chiare in planetaria o con le fruste elettriche.
Setacciate farina, vanillina e lievito e aggiungeteli poco per volta al composto mescolandoli sempre delicatamente e dal basso verso l' alto. Continuate fino a esaurimento.
Versate l'impasto nelle due tortiere e infornate a 180 gradi per 25 minuti circa, comunque fate sempre la prova stecchino.
Lasciate raffreddare bene i pan di spagna e componete la vostra torta come volete.
L'ideale è aspettare 24 ore, tagliare filo filo i bordi e togliere la pellicina superiore così il pan di spagna si bagnera' bene.

Un bacio a presto Catia.

sabato 9 aprile 2016

PANBRIOCHE VEG. MORBIDISSIMO E SENZA LATTE UOVA E BURRO.

Ciao a tutti oggi giornata frenetica e vi dedico giusto pochi minuti... Mi rifarò nei prossimi post lo prometto.
Una brioche resa veg buonissima, sofficissima, una nuvola che si mantiene anche per più giorni, un sogno di PANBRIOCHE insomma.





Per la ricetta  del panbrioche veg, senza uova, latte e burro mi sono rifatta a PuffINcucina:

150 g farina
150 g manitoba
2 g lievito di birra essiccato
50 g zucchero
185g latte di soia
7 g malto
25 g olio di semi
Aromi misti di vaniglia, rum, limone e arancia



Eccovi il

martedì 5 aprile 2016

BISCOTTONI CON FARINA DI RISO.

Ciao a tutti, come state?

Oggi vi mostro una scoperta dolce a cui penso che difficilmente rinuncerò in futuro: i biscotti con farina di riso, che ricordano tanto le Campagnole Mulino Bianco e un po' le Macine.



Si tratta di frollini, con uova, burro, farina per metà normale e per metà di riso, zucchero e vaniglia in bacca.

Eccovi la ricetta per 15 biscotti di riso:



150 g farina di riso
150 g farina 00
160 g burro
1 pizzico di sale
2 uova
150  g zucchero
mezza bacca di vaniglia

Lavorate tutto come una frolla, sabbiando prima le farine con burro e zucchero. Aggiungete anche vaniglia e sale.
Successivamente inserite le uova amalgamando bene.
Mettete l'impasto dei biscottoni di riso nella pellicola facendone un cilindro e ponete in frigo per un'ora o più.
Riprendete il cilindro, eliminate la pellicola, tagliate la pasta a 1 cm e disponete i biscotti di riso su una teglia coperta di carta forno!

Cuocete per mezzora fino a doratura.




Mangiate solo quando sono totalmente raffreddati.

Buona merenda, buona colazione, buon tutto!!!!

Baci baci a prestissimo Catia.




sabato 2 aprile 2016

PANE DI RISO E SEMI DI GIRASOLE.

Pane di riso... Erano giorni che mi frullava in testa questa idea... Avevo preso qualche mese fa della farina Molino Chiavazza e non avevo ancora deciso cosa farci... Inoltre la scadenza si avvicinava pericolosamente... Quindi ho deciso: impasto.
Ho preso il mio lievito madre a riposo da un paio di giorni e ho iniziato a scioglierlo in planetaria con un po' di acqua tiepida.
Ho iniziato ad aggiungere 250 g di farina di riso, altra acqua, poi mezzo kg di farina 00 e qualche cucchiaio di manitoba. Ho aggiunto acqua per ottenere un impasto morbidissimo. Infine ho messo una bella manciata di sale, un bicchiere da caffè di olio di oliva e qualche minuto dopo 100 g di semi di girasole.
Ho lavorato un po' sul tagliere infarinato e ho dato la forma al pane mettendo in uno stampo da plumcake (ne vengono 2) a lievitare fino a raddoppio.
Ho cotto in forno a 200 gradi per 40 minuti circa.
Molto saporito, ottimo anche da solo. Il restante pane ho deciso di farlo a fette e farne delle biscottate da spalmare di marmellata :).
Buon appetito e buona primavera a tutti!!!
Baci baci Catia