venerdì 7 marzo 2014

DOLCE DEL WEEKEND MORBIDISSIMO! SENZA UOVA.

Ciao a tutti, oggi voglio farvi immaginare un dolce morbidoso e delicato per la colazione di domani o anche della domenica: un bouquet di girandole, lievitato e senza uova.


Dalla consistenza di una brioche, ha un gusto più deciso e può essere riscaldato nel forno a microonde per una trentina di secondi per poi essere gustato da solo o accompagnato da marmellata o crema di nocciola o anche, perché no, da yogurt alla frutta.
Un pomeriggio avevo proprio voglia di 'dolciare'  (mi piace questo termine nuovo coniato!)
e mi sono messa alla ricerca di una ricetta adatta alla colazione, con il mio caro e immancabile lievito di birra. Mi sono imbattuta in questo:http://www.ilparadisodelledolcezze.com/2009/06/le-brioches-piu-soffici-del-mondo.html ... e la ricetta ha catturato così totalmente la mia attenzione che appena possibile ho voluto replicarla ... ma come sempre ho apportato modifiche.

Ecco la mia versione qui di seguito:

500 g di farina 00
150 g zucchero
150g di latte tiepido allungato con 1 dito di acqua tiepida
un pizzico di sale
1cubetto di lievito di birra (io ho usato una bustina di lievito secco)
70g di margarina vegetale a tocchetti
3 patate bollite schiacciate (circa 120 g)
aroma di limone (abbondate!)
Inoltre serve latte e acqua per spennellare la torta prima della seconda lievitazione e prima di infornarla e un po' di zucchero semolato.

Cominciamo con impastare tutti gli ingredienti e mettiamo a lievitare in luogo tiepido per un paio di ore (fate crescere l'impasto con calma, ci potrebbe volere anche più tempo se la stanza è fredda). 
Una volta raddoppiato, si stende l'impasto sotto forma di tanti salsicciotti che poi si arrotolano a formare delle spirali. Si dispongono in una teglia oleata o con carta forno, anche sovrapponendole delicatamente.
Si spennella con latte e acqua tiepida prima di lasciar crescere ancora al calduccio l'impasto per il tempo necessario al raddoppio.
Si spennella nuovamente e si cosparge di zucchero semolato, si inforna per una buona mezzora, essendo molto alta, in forno a 180 gradi (io in forno a gas, manopola sul 5- 6).
Una volta dorata, si lascia raffreddare e si può servire come meglio si desidera!

Qui, tagliata calda calda, appena sfornata:
 già intiepidita:
 il giorno dopo, pronta per essere riscaldata al microonde:
Bon Apetit!
Baci baci Catia

Nessun commento:

Posta un commento