martedì 27 maggio 2014

CROSTATA SALATA! ANCORA ZUCCHINE E FILANTI BROCCOLI!


Rieccomi con un'altra ricetta a base di pasta madre: una CROSTATA salata alle verdure, che accontenta anche i più vegetariani volendo e permette di mangiare in maniera abbastanza equilibrata fibre, Sali, vitamine e quanto più le verdure possano regalarci. Può essere riempita con qualsiasi ortaggio preferite, o anche con pesce o per assurdo con pasta e uova! Io ho scelto ancora zucchine e cipolla per una e ne ho fatta una seconda con broccoli verdi.


Ecco la ricetta che ho modificato nelle dosi per le mie crostate (l'originale la trovate qui http://www.petitchef.it/ricette/crostata-di-zucchine-e-palatoncino-di-melanzane-con-lievito-madre-fid-334920, con una gustosa variante alle melanzane):

-200 g PASTA MADRE rinfrescata

- 450 g FARINA 00

- 1 cucchiaino di ZUCCHERO


- 2 cucchiaino di OLIO D’OLIVA

- 60 ml LATTE

- 200 ml ACQUA TIEPIDA

- SALE qb

 

Ho impastato a mano tutti gli ingredienti, mettendo sempre il sale per ultimo. Ho lasciato lievito per bene al calduccio e ho poi steso 2 basi che ho riempito con i due ripieni di verdure.

RIPIENO ALLE ZUCCHINE:

-2 zucchine

- 1 grosso cipollotto fresco

- mezzo barattolo di pomodoro pelato

-basilico

-sale

-olio d’oliva

Ho tagliato tutto grossolanamente e ho fatto cuocere per 10- max 15 minuti. Ho lasciato raffreddare e ho poi distribuito sulla base di pasta su cui avevo già  tagliuzzato formaggio filante e prosciutto cotto a dadi.

RIPIENO AI BROCCOLI:

-4 broccoli verdi

-1 spicchio d’aglio

-olio

-formaggio grattugiato

-sale

Ho fatto cuocere i broccoli già sbollentati con l’olio profumato dallo spicchio l’aglio e li ho salati per pochi minuti, giusto per insaporirsi. Una volta freddi, ho levato lo spicchio d’aglio e li ho adagiati sulla crostata dove ho messo in precedenza fettine spesse di formaggio filante e tanto formaggio grattugiato.

Con poca pasta ho poi creato dei cordoncini che ho incrociato proprio per ricordare le crostate dolci. Cottura in forno a gas, manopola sull’8 prima e poi sul 6.


E ora, come direbbe un barista mio conoscente:

BUONA DEGUSTAZIONE SIGNORI!

Baci baci alla  prossima!

Nessun commento:

Posta un commento